Blue Jasmine (2013)

09/12/2013 by Maurizio
2013, Commedia, Drammatico, Film Americani, In uscita in Italia, Recensioni, Stati Uniti divider image
Blue Jasmine (2013)

Woody Allen gioca sulla differenza tra le classi sociali tracciandone un solco incolmabile.

Jasmine e Ginger sono due sorelle, entrambe adottate, che appartengono a due mondi diversi: Jasmine vive a New York, park avenue, Ginger nei sobborghi di San Francisco, l’una ricchissima, l’altra cassiera di un supermercato.. L’impatto tra le due realtà avviene quando Jasmine finisce in povertà a causa della bancarotta del marito e chiede ospitalità e aiuto alla sorella. Da qui partono le azioni per riconquistare “l’alta società” e il benessere. Nei suoi tentativi di risalita Jasmine trascinerà rovinosamente anche l’arrendevole Ginger travolgendone il mondo e le persone che le girano attorno. Grandiosa la scena in cui Jasmine si confida ai nipotini e l’espressione attonita di questi. Un mondo di ricchi la cui medaglia vede su di un lato la truffa e sull’altro lato le mance generose per avere “un buon servizio” e sembrare buoni e un mondo di poveracci dove nel cuore troppo rozzo non possono vivere sentimenti puri, ma solo azioni e reazioni istintive. Sinceramente resto attonito di fronte a questa interpretazione pseudo-sociologica della realtà vista probabilmente da un punto di vista inopportuno, tanto che questo porta il regista ad un finale privo di rilievo e stimoli, nonostante il colpo di scena di pre-finale. Una storia che di fatto non racconta nulla se non l’uso spropositato di psicofarmaci e martini per sopravvivere alla “noia dello shopping” e di birra e wodka per i poveracci. Ciò che sconvolge, ma che forse è la verità, è la totale noncuranza con cui ciascuno dei personaggi vive le proprie emozioni senza pensare alle conseguenze, tanto non cambia nulla ” perché la classe è classe”, e l’ambiguità della frase qui è voluta.

Peccato che con gli ultimi tre film Allen abbia scelto di vivere in una classe d’élite che pochi probabilmente capiscono.

Voto:4 stelle

IMDb ♦ Mymovies ♦ Opensubtitles

2 stelle


One Response to Blue Jasmine (2013)

  • non trovo che il finale sia “privo di rilievi e di stimoli”. Invece la scena in cui lei si siede sulla panchina e la signora a fianco prende su e se ne va, è terribile, al pari di quella con il figlio che ripudia la madre. Alla larga da queste persone, ci dice, perché ti triturano come un frullatore e ti sputano via.

    Rispondi




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.