Box office italiano – Incassi weekend del 11-03-2012

13/03/2012 by Isabella
Box Office Italiano, News, Recensioni divider image
  • POSTI IN PIEDI IN PARADISO

    Un film di Carlo Verdone. Commedia – Italia, 2012

    • Incasso weekend € 2.146.023
    • Incasso totale € 6.409.415
  • QUASI AMICI

    Regia di: Olivier Nakache, Eric Toledano. Commedia – Francia, 2011

    • Incasso weekend € 1.437.757
    • Incasso totale € 5.837.035
  • JOHN CARTER

    Regia di: Andrew Stanton. Avventura – USA, 2012

    • Incasso weekend € 1.044.471
    • Incasso totale € 1.206.739
  • TI STIMO FRATELLO

    Regia di: Paolo Uzzi, Giovanni Vernia. Commedia – Italia, 2012

    • Incasso weekend € 975.457
    • Incasso totale € 975.457
  • SAFE HOUSE: NESSUNO E’ AL SICURO

    Regia di: Daniel Espinosa. Thriller – USA, Sudafrica, 2012

    • Incasso weekend € 603.859
    • Incasso totale € 1.949.330
  • VIAGGIO NELL’ISOLA MISTERIOSA

    Regia di: Brad Peyton. Avventura – USA, 2012

    • Incasso weekend € 548.421
    • Incasso totale € 3.999.381
  • THE DOUBLE

    Regia di: Michael Brandt. Thriller – USA, 2011

    • Incasso weekend € 301.756
    • Incasso totale € 301.756
  • IN TIME

    Regia di: Andrew Niccol. Thriller – USA, 2011

    • Incasso weekend € 213.255
    • Incasso totale € 3.833.390
  • HUGO CABRET 

    Regia di: Martin Scorsese. Avventura – USA, 2011

    • Incasso weekend € 179.177
    • Incasso totale € 7.091.908
  • THE WOMAN IN BLACK

    Regia di: James Watkins. Drammatico – Gran Bretagna, Canada, Svezia, 2011

    • Incasso weekend € 176.475
    • Incasso totale € 2.426.416

Torna il commento al Box-Office del weekend, stavolta commentato da me, della serie “tutto quello che non avreste voluto sapere degli incassi italiani al cinema”.

Non sono sorpresa di trovare al primo posto Posti in piedi in Paradiso, vince troppo facilmente a colpi di leggerezza, tocco sporcaccione che tanto piace all’ italiano medio e una buona dose di pseudo-impersonificazione nella situazione del divorziato e frustrato. Così, tanto per accontentare signori e signore, facendo leva sul cameratismo (per così dire) dei primi e una millantata e rosicata superiorità delle seconde. Un Verdone in declino, che vince facile grazie al (dubbio) gusto dell’ italiano medio.

Al secondo posto, Quasi Amici (qui la recensione) film che ha sbancato praticamente ovunque. Il film, con un titolo tradotto come sempre con i piedi e trasla il significato originario di Untouchables è piaciuto molto anche in Italia. Sarei molto curiosa di dare uno sguardo agli incassi fatti per singola regione. Ne ho in mente una, a dire il vero, in particolare. Un film ben fatto, che riesce ad evitare il pietismo e a non scivolare nel buonismo a tutti i costi. La storia è semplice, ma il significato profondo, in un mondo che scarica la paura, le propri frustrazione e la propria crisi negli immigrati.

La Disney assesta, poi, il proprio colpo. Sicuramente non un film da “UltimoCiak“, John Carter è un blockbuster fin dai titoli di inizio. Un umano viene trasportato accidentalmente su Marte dove prende parte ad un’ epica battaglia tra conservatorismo e progresso, bianchi e pellerossa. Unico commento: ma davvero? Originalità a palate per un nuovo Pocahontas che riesce a stimolare gli appassionati del genere fantascientifico in un unico modo: trova tutti gli spunti “originali” del film. Insomma, Spock non approva, nè Luke, Neo etc etc

Non commenterò Ti stimo fratello poiché non possiedo abbastanza sarcasmo per procedere ad un’analisi, per quanto sommaria del film (?!). In seguito, al quinto posto troviamo Safe House: Nessuno è sicuro. Il titolo, praticamente uguale a tutti gli altri del genere preannuncia un film che è un insieme di luoghi comuni delle spy-story. C’è chi lo definisce un tripudio per chi ama l’ azione dura e pura (vorrei veramente poter guardare questo qualcuno in faccia).

Al seguito c’è Viaggio nell’ Isola Misteriosa con Dwayne Johnson e Vanessa Hudgens. Chi sono? Se non lo sapete siete salvi! Se lo sapete…beh vorreste veramente spendere dei soldi per vedere un film loro? (non è possibile rispondere affermativamente).

Di seguito The double, film piuttosto deludente ed ingenuo per essere una spy story così come In time, sceso in classifica dalla settimana scorsa. Bruttini entrambi, ma soprattutto banali. Il secondo dei due, però, dalla sua ha anche degli attori non considerabili tali. Timberlake, torna a cantare. No, aspetta, nemmeno quello!

Nella penultima posizione dopo settimane di botteghino alle stelle Hugo Cabret il film per famiglie di Scorsese. Indubbiamente un film qualitativamente alto, con una fotografia ma soprattutto una scenografia incredibile (Oscar meritatissimo) e una regia fluida e incantevole. Scorsese, però, mi delude un pò, dandoci un film un leggermente commerciale che perisce nel suo stesso confronto con Melièr.

Infine, in ultima, meritatissima, posizione The woman in black (qui la recensione), con Daniel Radcliffe assolutamente inadatto nel ruolo del pare vedovo. Un film brutto non tanto per la trama, ma per gli effetti speciali (quali effetti speciali???).

Alla prossima settimana.




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.