Cafè Express (1980)

26/12/2010 by Maurizio
1980 - 1989, Commedia, Film Europei, Italia, Nastro d'argento divider image
Cafè Express (1980)

Nanni Loy, sin dagli inizi degli anni ’60, ci ha deliziato con bellissime storie italiane, fra tutti Le quattro giornate di Napoli e Detenuto in attesa di giudizio.

È  nel 1980 che il regista cagliaritano raggiunge l’apice con Cafè Express, un film che vede protagonista Michele Abbagnano (Nino Manfredi) nella parte di un venditore abusivo di cappuccini sul treno 818, che va da Vallo della Lucania a Napoli. Gran parte del trama si svolge all’interno delle carrozze, luogo in cui  Michele ha un talento straordinario nell’evadere i controlli del personale, capace anche di instaurare rapporti amichevoli con alcuni pendolari; quando però incontra una persona della malavita, qualcosa non va per il verso giusto.

Ottima opera  malinconica, drammatica, con un Nino Manfredi straordinario, capace di emozionare come sempre il pubblico (memorabile quando sbatte ripetutamente contro il tavolo la sua mano di legno davanti ad un’agente). Una commedia popolare, ricca di personaggi capaci di fare rivivere quello spaccato del sud pieno di difficoltà, ma con una voglia di non arrendersi mai. Diretto perfettamente da Nanni Loy, è interessante vedere  un Mezzogiorno d’Italia purtroppo molto simile ai giorni nostri.

Voto:

  • Nastro d’Argento al migliore attore protagonista
  • Nastro d’Argento al migliore soggetto

[youtube]RwfmmS91rZE[/youtube]

IMDb ♦ MYmoviesAcquista


One Response to Cafè Express (1980)

  • andai a vederlo con mio padre al cinema, lui pensava fosse comico alla fine si dimostro’ un film amaro e uscendo mi disse: “non era il film per te”. io risposi: “era triste ma a me è piaciuto”. di quell’Italia che purtroppo assomiglia tanto a quellq sempre più diffusa oggi c’era qualcosa da salvare: la dignità e il coraggio di gente come il personaggio di Nino Manfredi.

    Esempi che restano e riconfortano le persone per bene che, nonostante i Corona, i Minzolini, i delitti sparati in prima pagina, i Cassano, le starlette tutte tette e volgarità, i preti che predicano a vuoto, i giovani schiamazzanti senza un messaggio, i vecchi silenziosi e arrendevoli, gli ignoranti fieri di esserlo, gli egoisti, i delinquenti e compagnia varia, vanno ancora avanti per la loro strada. Con la testa alta!

    Rispondi




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.