Cinquanta sfumature di grigio (2015)

26/02/2015 by Renato Volpone
2014, Drammatico, Film Americani, In uscita in Italia, Recensioni, Romantico, Stati Uniti divider image
Cinquanta sfumature di grigio (2015)

Una ragazza innamorata dell’amore e un uomo innamorato di se stesso. Casualmente i due si incontrano e nei loro occhi scatta una scintilla, quella serendipity che può cambiare la vita e che capita di lasciar sfuggire per orgoglio, presunzione o più semplicemente per stupidità. Anastasia Steele, studentessa universitaria da una parte e Mr. Christian Grey giovane rampante, amministratore di una multinazionale, dall’altra. Due poli opposti che inesorabilmente si attraggono.

Nasce così questo racconto di E. L. James, il primo di una trilogia, ora arrivato al cinema nella versione diretta da Sam Taylor-Johnson e con la bellissima interpretazione di Jamie Dornan e Dakota Johnson. Il film è da vedere rigorosamente in lingua originale perché tutto basato sull’espressione recitativa dei due attori, la mimica deve essere infatti associata all’inflessione e alle incrinatura delle voci per godere appieno della rappresentazione. Non si tratta, infatti, di un film sul bondage e su vizi e virtù del sado-maso, che fanno solo da sfondo al racconto, ma sull’amore. La scoperta del vero amore da parte di Anastasia e la possibilità di riscatto da parte di Christian. Il gioco è tutto psicologico, fatto di piccole sfide, di ricatti e di cedimenti. Gli incontri sessuali sono un fronzolo che serve a far crescere emotivamente i due protagonisti, tanto che il regista si limita alla superficialità dei giochi sessuali senza mai scioccare il pubblico con le abitudini sado-maso, così fortemente rappresentate invece in Nymphomaniac di Lars Von Trier.

Il film si avvicina di più al sentimentalismo di Pretty woman anche se il contesto è diverso. Il regista riesce benissimo a disegnare la personalità dei due interpreti, con dei piccoli tocchi di pennello, alcune battute, i personaggi di contorno e la musica, facendo scomparire tutto il resto e lasciando i due soli sul ring del sentimento. La donna, anche se giovane ed inesperta ha l’intuito e l’astuzia femminile, l’uomo infonde sicurezza e senso di protezione. Emergono così i bisogni primari dell’essere umano contrapposti alla realtà sociale, alla ricchezza che tutto può comprare, e anche qui la lotta diventa entusiasmante. Forse il film può essere accusato di una certa superficialità, ma il messaggio arriva chiaro, il pubblico gradisce, si diverte, si emoziona e si lascia trasportare dal racconto in un vento sentimentale che porta rapidamente verso finale.

Non resta che aspettare il secondo episodio dove tutto si tinge di “nero”.

Voto:4 stelle

IMDbMymovies ♦ Opensubtitles

 

 




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.