Come pietra paziente (2012)

05/04/2013 by Renato Volpone
2012, Afghanistan, Drammatico, Film Asiatici, Film Europei, Francia, Germania, Gran Bretagna, Guerra, In uscita in Italia, Recensioni divider image
Come pietra paziente (2012)

Come pietra paziente, quella che appoggi davanti ai piedi e a cui racconti tutti i tuoi più intimi turbamenti: lei ti ascolta attenta e quando hai finito si spezza e tu sei libero da tutte le sofferenze. Una donna china sul suo uomo ferito, lo lava, lo accudisce, lo nutre in attesa di un risveglio che forse non avverrà mai e a lui racconta tutti i tormenti, i segreti, le umiliazioni e le sofferenza subite. Lui diviene la sua pietra paziente. Nelle parole che escono dolci e armoniose, mai con rabbia, ci sono le stesse umiliazioni, violenze e privazioni di tutte le donne che soffrono la sottomissione. Così, chiusa e sola in una casa avvolta dalla polvere e dal fuoco della guerra libera i propri pensieri nella parola che rincorre i ricordi: racconta di quel padre che gareggiava con le quaglie e ha perso una figlia come posta di una scommessa; racconta di quel marito che non c’era, di ciome ha sposato il suo pugnale, di lui uomo di guerra che come tutti gli uomini che amano la guerra non sanno fare l’amore; racconta di uomini che desideravano il suo fiore per il piacere; racconta di come ha concepito e partorito le due piccole figlie.

Il racconto penetra nell’anima come la goccia che cade nel recipiente e lentamente lo riempie, come l’immagine che si viene a definire nello specchio e si appropria del respiro, come la fredda pietra che paziente ascolta. Un grande film con una regia straordinaria: ancora una volta torniamo in un Libano dilaniato dalla guerra e ancora una volta abbiamo una grande lezione di cinema che viene dall’Oriente.

Un film che ci parla di donne, delle loro sofferenze, delle loro privazioni, ma anche della grande forza d’animo, del coraggio, dell’ardire che mai nessun uomo saprebbe eguagliare. Straordinaria l’interpretazione di Golshifteh Farahani, che anche solo con gli occhi ci porta nella guerra, di un mondo sanguinario, ma anche d’amore, di devozione e di fedeltà. Un mondo visto da dietro una tenda, dietro un velo. Fantastica la ricostruzione degli interni, scarni nella loro quotidianità, le immagini di una Beirut distrutta, ma affascinante nella luce del crepuscolo e poi le musiche e le parole. Un film grandioso, assolutamente da non perdere, un film che fa pensare molto.

Voto:4 stellestella

IMDb ♦ Mymovies ♦ Opensubtitles


One Response to Come pietra paziente (2012)

  • Veramente il film si svolge in Afghanistan (come afghano è il regista), in un paesino ai piedi delle montagne di Kabul. Cosa c’entrano il Libano e Beirut? Magari guardare il film prima di scriverne sarebbe cosa utile.

    Rispondi




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.