Conversations with Scorsese – 2011 – By Richard Schickel

30/07/2012 by Elena Marcaccini
News divider image
d0007144_19545264

Che siate più o meno appassionati del cinema di Martin Scorsese, voraci lettori di manuali e testi sul mondo del cinema o sporadici consultatori di riviste o libri, consiglio caldamente la lettura di questo libro in cui il regista americano riversa tutta la sua immensa passione per i film

Potremmo pensare che libri come questo vengano fatti con lo stampino, un libro-un regista, il quale risponde sempre alle stesse domande in maniera quasi automatica e noiosa.

In questo caso l’intervistatore è Richard Schickel, grande storico e critico cinematografico che apre con Scorsese un confronto alla pari, una lunga, appassionante conversazione che spazia oltre i confini della filmografia del regista, per tracciare una visione a 360 ° sul cinema, sulle persone che lo compongono, sui film che ne hanno formato la storia.

Scorsese trasmette fortemente al lettore la sua genuina e vorace cinefilia, tanto da trascinarlo alla necessità curiosa di dover prendere visione dei film citati, anche se a volte non rispecchiano i gusti della nostra generazione, né riescono a mantenere una modernità richiesta a due ore di spettacolo.

Scorsese chiarisce fermamente anche questo punto, indicando che si può trarre nutrimento anche da un’ opera non riuscita, o da una pellicola di serie B. Possono esserci idee, tecniche, contesti narrativi dai quali è possibile trarre uno spunto, una soluzione per far procedere il film che stiamo realizzando o semplicemente chiarire e ampliare una conoscenza cinematografica che credevamo già satura.

Nella sua grande abilità registica, Scorsese mantiene un profilo umile e critico verso una filmografia che comprende opere di primissimo livello e un paio di capolavori assoluti (Goodfellas e L’età dell’Innocenza, ma sul secondo lascio a voi la personale scelta fra altri. Sul primo non si discute), riversando ai suoi collaboratori e mentori una parte di merito per i suoi successi.

Il libro è un piacere per gli occhi, come i piani sequenza di Quei bravi ragazzi/Goodfellas, un universo di parole che non ci stancheremmo mai di leggere.

Ma come tutte le belle cose, dopo 485 pagine, trova la sua fine

Buona lettura




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.