Il corto spagnolo “Dulce” di Iván Ruíz Flores si è aggiudicato il primo premio al Festival Internazionale del Cortometraggio Con i minuti contati

06/09/2011 by Maurizio
News divider image

Il corto spagnolo “Dulce” di  Iván Ruíz Flores si è aggiudicato il primo premio al Festival Internazionale del Cortometraggio Con i minuti contati. Altri premi e numerose menzioni sono andati a registi di tutto il mondo.

MONTEFALCO – Si chiama “Dulce” (dolce), proviene dalla Spagna e il titolo è tutto un programma. E’ questo il corto che ha guadagnato la prima posizione alla seconda edizione di Con i minuti contati – Festival internazionale del cortometraggio. Iván Ruíz Flores il regista e sceneggiatore trentaduenne che, con la casa di produzione “Aniur creativos audiovisuales”, ha realizzato un piccolo capolavoro che sta già girando in tutto il mondo, di festival in festival, incassando circa 20 premi. Ritenuto da pubblico e giuria l’opera con la migliore fotografia, anche la trama, la narrazione e gli attori di “Dulce” sono riusciti a convincere i giurati di Con i minuti contati.

Il trionfo del vero amore, smarcato dai facili sentimentalismi, questo il messaggio di fondo della narrazione. Due nonni e i loro nipotini si incontrano frequentemente, gli anziani si sono innamorati, e anche tra i bambini c’è un gran feeling. Giocando tutti insieme, si trovano a dover descrivere la parola “amore”, ma il commento del nonno delude il piccolo Adrià: “È una fiamma che finisce sempre per spegnersi”. Adrià, nell’intenzione di smentire il nonno, causerà accidentalmente la morte di tutti e quattro. Eppure, a vedere i corpi di Adrià e della sua Andrea e dei due nonni che nel sonno hanno perso la vita, gettati così sul letto stretti in un abbraccio, sembra proprio che il piccolo sia riuscito a trasformare il loro amore in eterno. Pubblicato quest’anno, in Spagna “Dulce” ha riscosso un enorme successo, anche per la partecipazione della famosissima baby-attrice Miriam Martín, che con questo corto in Spagna ha vinto il premio come miglior attrice. Italiani, invece il secondo e terzo classificato: “Le storie che invento non le so raccontare” di Francesco Lettieri, video estratto dall’omonimo concept musicale, e “Stand by me” di Giuseppe Marco Albano, opera molto ironica in cui il protagonista, imprenditore di Matera, vuole creare zone residenziali nei cimiteri. Molti altri i riconoscimenti, tra cui si segnala come miglior cortometraggio umbro “Dimensione x” del folignate Emanuele Chianella. Molti i registi saliti sul palco ieri sera per la premiazione, assente purtroppo Flores che ha mandato un videomessaggio in un italiano spagnoleggiante e colmo di commozione.

Oltre 300 quest’anno le opere inviate da 30 nazioni del mondo, solo il continente africano mancava all’appello. Un bilancio estremamente positivo per la seconda edizione di Con i minuti contati, la rassegna di corti è stata molto apprezzata dal pubblico, proveniente anche da fuori regione e dall’estero. “Un ringraziamento particolare va all’Amministrazione del Comune di Montefalco, che ha seguito il progetto quasi ogni giorno, garantendoci il proprio supporto” ha commentato Fiammetta Romoli, presidente dell’associazione organizzatrice L’arca delle idee. Già “proiettato nel futuro” il direttore artistico 19enne Nicola Papapietro, che dopo aver incassato questo successo, pensa già alla terza edizione. La giuria era composta da Fabio Montanari (presidente), Roberto Lazzerini, Luca Fantauzzi, Anastasia Cariani e Daniele Cascella, professionisti, operatori e appassionati dell’universo cinematografico.




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.