Pesaro 51 – Dayim (2000)

12/10/2015 by Roberto Matteucci
2000 - 2009, Film Asiatici, Pesaro Film Festival, Recensioni, Short, Speciale festival di..., Turchia divider image
Dayim (2000)

“Pensava che fosse un folle e che la sua follia mi contagiasse.”

Quando si è bambini, i sogni sono sovrabbondanti e sproporzionati. Le figure all’interno della casa tendono a riportare le fantasie nell’alveo della responsabilità e della serietà. Per questo i bambini si affezionano agli zii stravaganti e anticonformisti. Essi alimentano le immaginazioni infantili.

Siccome tutto mondo è paese, lo stesso accade in Turchia. Di uno zio bizzarro ci parla il regista Tayfun Pirselimoglu nel cortometraggio Dayim – My Uncle.51 Pesaro Film Festival

Lo zio porta due bei baffi virili ed è ovviamente scapolo, altrimenti non potrebbe essere un esempio di vita. Come un ragazzino, lo zio era un sognatore e prendeva di petto i desideri umani e li corteggiava nonostante tutto e tutti. Voleva fare lo scrittore, e il regista c’è lo mostra chiuso in casa mentre batte a macchina con un sol dito un tasto per volta. A terra centinaia di fogli accartocciati dai vani tentativi. Ci racconta tutto con voce fuori campo il nipote, mentre le immagini sono efficaci e allegoriche. Il vero sogno dello zio è di volare come un novello Icaro. Il breve racconto con immagini lievi e colorate ci diverte per i goffi tentativi sempre finiti male.

È una bella famiglia borghese.

Siamo di fronte ai sogni di una borghesia turca, persa negli avvenimenti politici e religioso di oggi.

IMDb ♦ Mymovies ♦ Opensubtitles

 




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.