Diamante nero/Bande de filles (2014)

26/06/2015 by Renato Volpone
2014, Drammatico, Film Europei, Francia, Recensioni divider image
Diamante nero/Bande de filles (2014)

“Solide et solitarie”: Marieme è una ragazza di sedici anni con un mondo che le gira attorno e non le appartiene.

Tante scelte possibili, tutte sbagliate, e nessuna alternativa. Cèline Sciamma, dopo Tomboy, torna al cinema con un altro film sul disagio giovanile.

Una famiglia nera a Parigi, genitori totalmente assenti, forse non per loro volere, un fratello violento, due sorelline più piccole da proteggere. Marieme non trova nella scuola la giusta dimensione per emergere, l’abbandona, non trova la sua dimensione nemmeno nelle amicizie. Finisce con un gruppo di ragazze, la bande, che l’accoglie e condivide con lei piccole e ingenue scorribande, forse un rito di passaggio verso il mondo dello spaccio e della prostituzione. Unica possibilità di fuga la famiglia, sposarsi e fare un figlio, ma rinunciare per sempre a se stessa come donna e alle proprie aspirazioni. Una storia che fa riflettere, nata nel mondo della banlieue parigina, ma che potrebbe appartenere anche a noi, ai nostri figli, in una società che vive e si nutre del disagio. Una giungla moderna dove bisogna lottare per sopravvivere, per arginare la sopraffazione che nasce da istinti preistorici, lontano da quella società moderna e pulita che i media tentano, ormai senza speranza, di mettere come copertina ad un rotocalco di amara verità.

Un film che viene sorprendentemente distribuito in lingua originale anche in cinema che di solito proiettano solo il doppiato. Un po’ lento nell’incedere, ma da non perdere per una riflessione che si fa sempre più profonda ed inevitabile per il futuro dei nostri figli. Splendida la colonna sonora.

Voto:3 stelle

IMDbMymovies ♦ Opensubtitles







bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.