Dio esiste e vive a Bruxelles (2015)

17/12/2015 by Renato Volpone
2015, Belgio, Commedia, Film Europei, Francia, In uscita in Italia, Lussemburgo, Recensioni divider image
Dio esiste e vive a Bruxelles (2015)

Il mondo visto con gli occhi di una ragazzina speciale: la figlia di Dio.

Dio esiste e vive a Bruxelles, ha due figli, un maschio, JC (Jesus Christ) , e una femmina, appunto, Ea. Ha anche una moglie repressa e sottomessa. Ea si ribella alle violenze del padre, più quelle che infligge all’umanità che le cinghiate che riserva alla figlia e scappa di casa. Comincia così un viaggio alla ricerca di sei apostoli, un viaggio un po’ lungo a dire il vero, ma che con dissacranti sorrisi porta a meditare sulla consistenza stessa del divino. Il pretesto è la data di morte, che Ea lancia a tutti i cellulari del mondo, cambiando la prospettiva degli umani e il loro modo di vedere le cose. In un racconto ad una voce, quella di Ea, che ricorda molto “l’eleganza del riccio”, la storia si dipana tra personaggi improbabili, ma possibili, fino al raggiungimento di un lieto fine che va altro il pensiero cattolico liberando nella semplicità la possibile felicità. Ognuno dei personaggi ha una storia da raccontare, un suo modo di interpretare la vita e nessun orizzonte di fronte, ma non è altro che il destino degli umani, di quasi tutti quelli che vivono con poco e senza affetti. Basta un legame per cambiare lo scenario e connetterli fra di loro per farli raggiungere una meta che è molto più vicina di quanto sembri, ma sicuramente lontana da qualunque rifugio religioso che richiede solo sofferenza e sottomissione per un futuro fatto di niente.

Bellissima la scenda di Dio che scende sulla terra in un parto che nasce da una lavatrice e che cambierà per sempre la sua storia, una nuova storia che fa riflettere.

Voto:3 stelle

IMDb ♦ Mymovies ♦ Opensubtitles




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.