Diplomacy – Una notte per salvare Parigi (2014)

03/05/2016 by Renato Volpone
2014, Drammatico, Film Europei, Francia, Germania, Recensioni divider image
Diplomacy - Una notte per salvare Parigi (2014)

Il popolo è spesso ignaro della propria sorte e i destini del mondo si giocano sul tavolo della follia o della diplomazia. Questo esempio storico, tracciato con grande maestria da Volker Schlöndorff, ci parla di uno dei momenti più delicati della seconda Guerra Mondiale: la distruzione di Parigi. Il film è l’adattamento cinematografico della pièce teatrale Diplomatie di Cyril Gely, firmato dallo stesso Gely. Ma non possiamo non ricordare anche “Parigi brucia” film diretto nel 1966 da René Clément.

Da un lato le strategie di guerra, gli ordini impossibili e l’obbedienza, dall’altro il gioco fine delle parti, la diplomazia e il sacrificio. Due personaggi uno di fronte all’altro: Dietrich von Choltitz (Wiese-Gräflich, 9 novembre 1894 – Baden-Baden, 4 novembre 1966) Governatore di Parigi durante l’occupazione nazista che ricevette l’ordine da Hitler di distruggere la città e Raoul Nordling (Parigi 11 novembre 1882 – 1º ottobre 1962) Console di Svezia, stato neutrale durante la seconda Guerra Mondiale che operò una profonda e attenta azione diplomatica per risolvere il conflitto. I due si incontrano nelle stanze del comando tedesco a Parigi e giocano una partita la cui posta è la salvezza della città. La storia non è chiara sui fatti che si svolsero in quelle stanze. Certo è che Nordling incontrò assiduamente Von Choltitz prima del 24 agosto 1944, giorno della liberazione di Parigi ad opera degli alleati, ma dove non racconta la storia ci riesce la fantasia e il teatro di Gely.

L’effetto di questo film, il cui finale è scontato (tutti sappiamo che Parigi è ancora lì nella sua integrità) è quello che lo spettatore resta sul filo di lana per tutto il racconto con la tensione che Nordling non riesca a convincere il generale. Grandiosi gli attori (ne consiglio vivamente la visione in lingua originale, il film è parlato in tedesco e francese, ma la capacità recitativa di André Dussollier, Niels Arestrup non può essere doppiata) che, in una notte che sembra non finire mai e che non accenna al minimo cedimento al sonno o alla noia, riescono a trattenere gli spettatori col fiato sospeso.

Anche il destino dei due personaggi storici ha un suo perché in quel dolere che la guerra crea quando le ragioni di Stato cedono al passo alla follia distruttiva, vista la riconoscenza dello Stato di Francia al generale nazista che accettò suo malgrado di non eseguire un ordine.

Insomma un ripasso di storia, un bel racconto e un grande film.

Voto:4 stelle

IMDb ♦ Mymovies ♦ Opensubtitles

 

 

 

 




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.