D’Istante (Short, 2011)

07/12/2011 by Maurizio
2011, Cinema indipendente, Film Europei, I vostri corti, Italia, Recensioni divider image
D'Istante (Short,2011)

Tempo fa, reduci dal Milano Film Festival, abbiamo parlato di The Pipe (qui la recensione), un buon documentario di Risteard O’Domhnaill, che racconta la dura opposizione degli abitanti di una baia sulla costa occidentale dell’Irlanda nei confronti della potente compagnia petrolifera inglese, la Shell. Un analogo riferimento si può fare con il cortometraggio girato da Nikola Brunelli, D’istante, che ci ha reso partecipi di due importanti proposte da parte della raffineria API, cioè di costruire impianti per la rigassificazione del metano liquido nel tratto di mar Adriatico nei pressi di Ancona. Proposte di questo tipo fanno rabbrividire i cittadini che, all’improvviso si ritrovano a dover ipotizzare un disastroso futuro per le nuove generazioni, senza se e senza ma, come viene dimostrato in questo importante corto di Brunelli, che pensa già al futuro, a disastro avvenuto. Attraverso le parole del responsabile di turno, sia esso un presidente della regione, della provincia o altro, contano in questo caso i pensieri di pentimento, quel rimorso che purtroppo si ha solo davanti ad una disgrazia, quando è ormai troppo tardi.

Dal punto di vista cinematografico, D’istante può essere considerato un lavoro completo, studiato nei minimi particolari, che si avvale di un’ottima colonna sonora che esprime tutta la sua potenzialità nel finale, che ovviamente non vi sveliamo. Consigliamo al regista di prendere visione di The Pipe perchè trasmette tutto l’ottimismo necessario per combattere le grandi compagnie petrolifere che possono essere vinte, o almeno limitate nelle sue proposte indecenti. È logico che Brunelli parla di un possibile disastro ambientale, mentre nella baia irlandese le costruzioni sono già avvenute ma poi bloccate per i numerosi processi che nel frattempo sono maturati grazie ai cittadini che sono stati addirittura nel Parlamento Europeo. Tutto può capitare, ma  se le associazioni e i comitati contro le raffinerie  si creano sin  dall’inizio, è possibile bloccare qualsiasi richiesta, ai danni del governo locale che spesso di dimostra accogliente davanti ad un business come quello proposto dalla  API.

Augurando ai cittandini di Falconara Marittima di non perdersi d’animo, ringraziamo il regista per la sua disponibilità, facendogli i complimenti per il suo corto realizzato con grande passione.

Voto:




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.