Eaters (2011)

15/10/2011 by Marinella
2011, Cinema indipendente, Film Europei, Horror, Italia, Recensioni divider image
Eaters (2011)

E’ davvero un piacere parlare di questo film tanto atteso e di cui tanto si è parlato e tanto si parla ancora. Produzione interamente italiana e indipendente che ha dato vita ad un piccolo grande capolavoro di genere.
Ci troviamo davanti ad uno zombie movie che potrebbe facilmente essere accostato ad altri colleghi per via della trama: il mondo invaso da non morti affamati di carne umana. Eppure Eaters, per quanto mi riguarda, ha una sua personalità che mantiene forte dall’inizio alla fine, una personalità che lo sveste da ogni rimando – a parte forse per un paio di scene – e lo rende un film a se.

Nonostante la storia , i protagonisti cacciatori di zombie, carne morta, sangue e una dose non indifferente di follia, tratti somatici molto simili se non addirittura identici a tutte le altre trame,  Eaters riesce ad essere diverso ed è questa la cosa che mi ha maggiormente colpita e ho apprezzato. Pregio assoluto è senza dubbio la fotografia – curata da Paco Ferrari – cupa e molto post apocalittica che regala al film un fascino indubbio.
Eaters nel suo essere non è perfetto, ma non sono certo un paio di difettucci a rovinarne il contenuto o la riuscita. Ma cominciamo dall’inizio di questa truculenta storia di morti….

Scene quindi post apocalittiche a fare da sfondo alla storia di questi due cacciatori di non morti, Igor – Alex Lucchesi – personaggio ormai cult per il classico approccio a muso duro e il suo fare da eroe buono, incazzato e spaccaculi col quale si propone e Alen – Guglielmo Favilla – compagno decisamente più calmo e tranquillo, ma non per questo meno letale. Un duo che dopo anni di lavoro insieme troviamo nuovamente forte ed affiatato in una performance degna e ben supportata. Due uomini quindi che si trovano non solo a dover sopravvivere, ma anche a dover catturare dei non morti “vivi” per aiutare il folle dottore Gyno – Claudio Marmugi – nei suoi esperimenti. La storia parte quasi in sordina per poi svilupparsi in maniera completa ed interessante passando per diverse situazioni e bizzarri personaggi, dagli esaltati neo-nazisti capitanati da un fuhrer  in miniatura interpretato da Fabiano Lioi – sul quale non sarebbe stato male soffermarsi maggiormente – un pittore stralunato, Caravaggio, che dipinge morti e l’untore – un sempre in forma Steve Sylvester – personaggio al quale si attribuisce il male che ha distrutto l’umanità e che poi si scoprirà in realtà essere solo un pazzo cannibale.

Eaters è comunque una storia nella storia partendo dapprima da una grave epidemia che ne uccide il genere femminile per la quale vengono condotti degli esperimenti che  daranno seguito vita alla storia fatta e finita rendendolo a tutti gli effetti uno zombie movie. Il film è senza dubbio curato sotto tutti i punti di vista e un altro ottimo risultato lo si ritrova negli effetti speciali e di trucco dei non morti, efficace e molto ben fatto curato dal team composto da: David Bracci, Enrico Galli, Gustavo Melella e Carlo Diamantini. Anche le musiche, collocate a dovere, rendono appieno lo sviluppo di questo film che scorre liscio ed inesorabile fino al suo epilogo. Scene ed inquadrature di forte impatto ci accompagnano nel viaggio di questi due cacciatori, passando per situazioni e posti fatiscenti nel quale troveranno infine, forse, una speranza…

I tasti dolenti di questo road movie alla carne non mancano, ma come dicevo prima, non ledono e si riducono ad un paio di esplosioni digitali e una scena tra uno zombie e Igor, queste le uniche pecche che mi sono ritrovata a notare in questo film. Che si dica quindi quello che si ha più voglia,  ma questo film merita davvero in quanto portato avanti in maniera indipendente con tutte le problematiche del caso ottenendo un risultato a dir poco sorprendente. Questi due giovani registi hanno dimostrato senza sfigurare una notevole professionalità e capacità senza dubbio indiscutibili  e questo verrà sicuramente riconosciuto perchè questo duo è riuscito in un’impresa ardua a tirare fuori un film con i controcazzi che nulla ha da invidiare a nessuno.

Eaters è un film che consiglio vivamente agli appassionati non solo di genere. Per quanto riguarda gli scettici, e ce ne sono parecchi, lo consiglio con maggior entusiasmo perché si possa arrivare a capire che i buoni prodotti non sono solo figli di grandi distribuzioni e produzioni milionarie, ma anche che in un piccolo, grande e controverso universo come l’indie Italiano si possono, a fatica e questo non lo si nega, confezionare dei lavori di tutto e totale rispetto!

Voto:

IMDbMymovies ♦ Acquista ♦ Italianshare ♦ Opensubtitles ♦ Cinema su Facebook


16 Responses to Eaters (2011)

  • Se dopo l’orrendo In the Market, questo Eaters mi riconcilierà con l’horror indipendente italiano, ben venga.

    Rispondi


  • ragazzi, guardatelo e poi tornate qui a dire la vostra e/o insultarmi :-)

    Rispondi


    • Eccoti la prima risposta allora, ma senza insulti!
      Devo dire che da appassionato del genere,vedendo il trailer,mi aspettavo qualcosa di più,ma bisogna dare i giusti meriti ai registi che nonostante fosse una produzione indipendente hanno sviluppato un buon lavoro.
      Ci sono state due cose che però ho odiato del film che sono i dialoghi, secondo me molto scadenti e l’aver troppo americanizzato i personaggi e gli stessi dialoghi.
      Gli zombie sono da paura.
      Da 1 a 10 voto 6
      ciao

      Rispondi


  • Ciao Tex, grazie per aver lasciato la tua opinione, è bello vedere che, nonostante si parli anche dei difetti di cui il film non è certo privo, si arrivi però ad apprezzare il lavoro nel complesso che per come è stato afrontato merita di essere riconosciuto!
    Appoggio il make up degli zombie, grande Diamantini e tutto il team!!

    Rispondi


    • Bè quel che è giusto è giusto!
      ho letto recensioni pessime sul film,a volte cattive ed offensive,io invece dico che sarebbe bello, che ci fossero più persone a fare film su questo genere, che in italia non è apprezzato.
      Non so cosa darei per vedere un film di zombie ambientato a roma….

      Rispondi


  • Sono d’accordo, ma come questo, anche altri film del sottobosco italiano meritano più attenzione, per un sacco di ragioni. Chissà, magari un giorno lecose cambieranno davvero…noi il vebo lo si divulga senza sosta 😉

    Rispondi


    • con rammarico, devo dire che nessuno di vo ha
      analizzato approfonditamente e compreso appieno questo lodevole prodotto made in italy che reputo veramente eccezionale. anzitutto faccio una premessa: per coloro che, anche alla propria isaputa, fossero viziati dalla porcheria sfornata calda calda dagli u.s.a. o comunque da ciò che rappresentano le grandi ed ipercommerciali produzioni internazionali con tanto di superbudget milionari e logiche di rappresentazione schiave deli stessi, questo film non fa per voi (levatevi culo e non rompete i coglioni). Bene, per prima cosa, chi dice che i dialoghi non sono un gran che ed addirittura troppo “americanizzati” non conosce lo stile e l’approccio di due attori, i protagonisti, che hanno basato la loro “passione” sull’ironia e sull’irriverenza, affrontando con gioia il politicamente scorreto (andatevi a vedere i film i corti e le serie dei licaoni ecc.); se li avete presi sul serio non avete capito una mazza. seconda cosa, rifacendomi sempre al discorso iniziale, chi invece critica gli effetti speciali, digitali (anche perchè quelli artigianali ricordano tempi lontani che purtroppo non ci sono più) non si rende conto, appunto, quanto si difficile mettere in scena un’ambientazione post-apocalittica, della serie città bruciate, esplosioni gigantesche ecc.; come dicevo prima se uno si aspetta ciò, il cinema indipendente e nichilista non è cosa per lui… Nonostante ciò, alex e guglielmo eccezionali come al solito, diamantini e co. memorabili, ferrari bravissimo ed ai registi ottimo lavoro continuate, non lasciateci troppo tempo a bocca asciutta!
      p.s. attendiamo con ansia l’ultimo film di federico sfascia che si dovrebbe chiamare i rec you

      Rispondi


      • Si….. poi però la causa dell’epidemia che ha distrutto,tipo, per esempio,l’intera Shangai, vive sulle collinette maremmane accompagnati da gang naziste comandate dal pupazzo gnappo.
        L’ironia e l’ irriverenza è accattivante come una scatola da graffette da ufficio e la sceneggiatura, recitata attraverso l’uso del famoso metodo “americansarsiccia”, prende a pugni in faccia la tua intelligenza.
        Dopodichè i costumi sono ben fatti e c’è dello splatter duro.
        La mia opinione, e poi mi levo culo e ti saluto, è che ipercommerciali produzioni internazionali o no, questo film è un po na’ cacatella.
        E non è che se fai un film indipendente sei immune al fattore cacatella….:))

        Rispondi


  • Davvero niente male! Gli zombie sono davvero inquietanti, le ambientazioni spaccano. Unici 2 lati negativi, a mio parere, sono i dialoghi un po’ troppo all’americana (i protagonisti parlano oltremodo da bullotti) e mi aspettavo qualcosina in più dal finale. Ma tutto sommato è un bel film. Complimenti!

    Rispondi


  • non riesco a trovare il nome della attrice che fa la parte della ragazzina

    Rispondi


  • mi spiace dirlo ma il film fa veramente cagare… nulla a che vedere con quelli esteri. per me nemmeno una stella. finto in tutto e per tutto.

    Rispondi



  • Chi l ha fatto ha la merda nel cervello… Sembrava un film comico si vede lontano un miglio che è finto !

    Rispondi


  • Non si può guardare—-pieta

    Rispondi


  • Non si può guardare—–

    Rispondi




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.