Eden (2014)

15/09/2015 by Renato Volpone
2014, Drammatico, Film Europei, Francia, Musica, Recensioni divider image
Eden (2014)

L’amarezza di avere nelle mani il futuro e vederselo sfuggire tra le mani come sabbia al vento.

Mia Hansen-Løve racconta la storia di una generazione, che può essere quella di una qualsiasi generazione, piena di sogni, di speranze, di certezze, ma soprattutto di disillusione.

Siamo agli inizi degli anni ’90, Paul, giovanissimo e appassionato di musica House, fonda con un amico il gruppo DJ “Cheers” ed insieme esplorano il nuovo sound “Garage”. In una Parigi che coltiva ancora gli artisti, nascono gruppi di giovani bohémien che condividono l’arte e il futuro. E come in ogni gruppo fatto di speranza e sogni c’è la fragilità umana e l’abbandono dell’essere per viaggi al di là del tempo e dello spazio. Paul e i suoi amici chiudono gli occhi sulla realtà che li circonda e vivono in un mondo fatto di droga, sesso, alcool e musica.

Il racconto è ben costruito per destrutturare la coscienza dello spettatore e buttarlo in un’avventura senza lieto fine, fatta di rapporti liquidi, dove non si la forza di costruire affetti o di arginare le falle degli amori.

L’incedere del film è lento e pesante, ma cattura chi lo guarda con la stessa forza di potenti onde negative che si attaccano alla pelle lasciando una sensazione sgradevole ed amara, quasi un cancro che divora l’esistenza stessa fino al compromesso per la sopravvivenza.

IMDb ♦ Mymovies ♦ Opensubtitles




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.