Innocenza selvaggia (2001)

06/10/2011 by Marinella
2000 - 2009, Commedia, Drammatico, Film Europei, Francia, Olanda divider image
Innocenza selvaggia (2011)

Francois, dopo aver perso la moglie per overdose, decide di girare un film denuncia contro la droga. Ma i produttori non vogliono investire in un soggetto così difficile e Francois, per trovare i soldi necessari, accetta la proposta di un uomo d’affari. Trasporterà due valigie di eroina in cambio di una grossa somma…Premetto che questo è un regista a me sconosciuto che credo mi troverò ad approfondire in quanto ho veramente apprezzato questo film. Non credo sia il caso ne voglio perdermi in preamboli inutili, chi ha deciso di unirsi a Non solo G0r3 sa di cosa parlo e cosa può trovare all’interno della pagina, per cui procederei oltre, non prima però, di aver ringraziato Ivo Salvini per  l’ottimo consiglio.

Il film è del 2001 ed è diretto dal regista Philippe Garrel, in Italia ha avuto una distribuzione da parte della Revolver, ma nell’edizione originale francese quindi con i sottotitoli, comunque lo si può trovare anche in streaming e, come è stato consigliato a me, io lo consiglio a voi. Il film è in bianco e nero e ci tengo a precisarlo perché per molti – come per me che non lo apprezzo particolarmente –  è un’ulteriore difficoltà.

Guardando Innocenza selvaggia ci si trova davanti un film carico di passione, sofferenza e degrado che si intrecciano abilmente in una trama che racchiude ben due storie delicate e drammatiche che scorrono all’unisono negli avvenimenti che ci porteranno a conoscere pian piano i protagonisti di questa pellicola che parla in maniera esemplare di due grosse problematiche; le difficoltà del cinema indipendente, problema da non sottovalutare specie per chi ci crede veramente e la droga, piaga molto più tragica della società di sempre. I protagonisti sono François Mauge, un regista rassegnato perché non riesce a trovare un produttore disposto ad investire nella sua sceneggiatura, film voluto contro l’eroina in ricordo della sua compagna Carole la cui vita è stata distrutta dalla droga e Lucie, giovane attrice fresca fresca di accademia.

Le vite dei due protagonisti si incontrano per caso e da quel momento il film assume la sua forma plasmando ad hoc ogni singola vicenda.  François trova il suo “produttore” in un uomo solamente tanto ricco che si rivela però non essere quello che gli viene presentato e di qui la sua difficile decisione. Per amore di Lucie – con la quale nel frattempo è nata una storia e che vuole fortemente nel film come protagonista –  accetterà le pessime condizioni e i grossi rischi del compromesso sotto il quale si ritrova a soccombere inerte per vedere la produzione del suo film, sogno della sua vita. Costantemente attaccato ai fantasmi del passato cede a qualcosa che proprio da lui non ci si aspetta, ma il suo film inizia a respirare di vita propria e proprio sul set ci si scontra con una difficile realtà che non risparmia proprio nessuno se ci si lascia andare quanto basta e la droga, grido di battaglia contro la quale si vuole scagliare il film di  François, diventa dramma reale che colpisce la povera Lucie che si ritroverà ad interpretare, al meglio, un ruolo che più volte aveva definito difficile per le caratteristiche della vera protagonista che aveva vissuto al fianco di  François in vita e maggiormente dopo la sua morte. Un film dal finale forse atteso forse no, ma che sicuramente fa pensare. Basta un niente e ci si ritrova nel degrado più assoluto dove i sogni inseguiti  spesso ne sono la causa scatenante. Un messaggio forte che fa riflettere sulle decisioni che spesso ci si trova inaspettatamente a prendere. Un film che mi ha lasciato molto e che, come detto all’inizio, consiglio  davvero.

Voto:

Di Marinella Landi [ Non solo G0r3 ] – http://www.facebook.com/nonsoloG0r3

IMDbMymoviesAcquistaItalianshareOpensubtitlesCinema su Facebook




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.