Kick-Ass (2010)

18/04/2012 by Maria Giorgia
2010, Avventura, Azione, Commedia, Film Americani, Film Europei, Gran Bretagna, Recensioni, Stati Uniti divider image
Kick-Ass (2010)

“Com’è possibile che esistano milioni di appassionati di fumetti di supereroi, eppure nessuno di questi si è mai davvero messo una calzamaglia e si è messo a lottare contro il crimine come DareDevil o Batman?” è la domanda che si pone spesso Dave Lizewski (Aaron Johnson), studente di liceo di Manhattan, nerd e amante dei fumetti i cui protagonisti sono supereroi. Così, il ragazzo decide di diventare un supereroe, acquista una tuta verde su eBay, si arma di manganelli e si fa chiamare Kick-Ass. Andrà incontro ad una pericolosa avventura..

Kick-Ass è un film del 2010, diretto da Matthew Vaughn (The pusher, X-Men: L’inizio). Nonostante alcune differenze (dicono gli esperti), questo film è un’adattamento cinematografico del omonimo fumetto ideato da Mark Millar e disegnato da John Romita Jr. Tra i produttori, oltre lo stesso Millar, c’è anche Brad Pitt. Il fumettista John Romita Jr. ha lavorato ad alcune sequenze animate presenti sotto forma di flashback tratte direttamente dal fumetto, confermando la differenza nel finale della storia tra film e fumetto.

Sempre la solita manfrina. In Italia per più di un anno la pellicola è rimasta senza distribuzione a causa dei costi riguardo la vendita dei diritti imposti da parte della produzione, ma anche per il fatto che nel film ci sia la presenza di alcune scene estremamente violente e che coinvolgono minori. Quindi si è pensato di applicare il divieto per i minori di 18 anni. Alla fine del 2010 la Eagle Pictures ha annunciato l’acquisizione dei diritti per la distribuzione italiana. Ad ogni modo la commissione di censura cinematografica ha vietato il film ai minori di 14 anni per violenza e linguaggio scurrile.

Che che se ne dica, Kick-ass è un film micidiale: dissacrante, beffardo, imprevedibile e irriverente, dal ritmo serrato, ottima fotografia e colonna sonora adeguata al genere. Intinto in uno splatter tarantiniano, pulp all’ennesima potenza. E’ un continuo rimando a film tratti da fumetti, però tutto in chiave sarcastica, da Spider-man a Batman e tanti altri.  E’, senza ombra di dubbio,  un b-movie, ma curato in ogni minimo dettaglio. Si può meglio definire come un comic book-movie, per la forte presenza di supereroi, crimini e tutine coloratissime, ma al tempo stesso ha una massiccia presenza di realismo, si pensi alla frase “non abbiamo superpoteri, ma possiamo prenderti a calci”, questo sta a sottolineare l’andamento del film dove i personaggi si scontrano con persone reali e concrete. Lo stesso protagonista non si limita ad emulare i supereroi, decide di allenarsi e scendere per le strade a combattere il crimine. Ma non accade come nei film di genere, che una volta indossata la tuta, il personaggio sconfigge tutti senza riportare alcun graffio. Dave riporta contusioni, fratture e ferite gravi. Tuttavia, il suo coraggio viene registrato e riportano in rete. Siamo nell’era di youtube, facebook e twitter. Il web gli regala un’incredibile popolarità. Tuttavia, le cose si conplicano.

Subentrano altri due supereroi, Big Daddy (Nicolas Cage) un ex poliziotto, ossessionato dalle armi da fuoco e dalla vendetta contro un mafioso, pare somiliare (fin troppo) a Batman sia per la tuta che indossa, sia per l’atteggiamento (e portamento) e Hit-Girl (Chloë Moretz), una sorta di Nikita undicenne, un po’ lolita che dice parolaccie, con la mascherina alla Robin e la parrucca viola, stile Johansson in Lost in Translation o stile Portman in Closer. Cage, nonostante l’età che avanza, dà prova di essere bravo nel ruolo di supereroe, galvanizzato al punto giusto grazie all’azione presente nel film. La piccola e promettente Moretz diverte e stupisce, lasciando a bocca aperto lo spettatore.

Come ogni film di questo genere che si rispetti, c’è il cattivo di turno circondato da altrettanti cattivi, però un po’ tonti. Ormai la cattiveria è sinonimo di mafia e anche nel film non manca questo ingrediente. Frank D’Amico e i suoi scagnozzi se la dovranno vedere con Kick-Ass, Big Daddy e Hit-Girl.

Gli esperti dicono che il film presenti parecchie incongruenze con il fumetto. Per chi è profondamente ignorante o è solo vagamente conoscitore dei personaggi più celebri, la pellicola piace tanto, anzi tantissimo. E il finale dà chiari segni di un sequel, anche se non se ne sa ancora nulla, se non voci di corridoio. Insomma tocca aspettare.

  • 2 MTV Movie Awards 2011: miglior performance rivelazione (Chloë Moretz) e miglior superduro (Chloë Moretz)
  • 2 Empire Awards: miglior debutto (Chloë Moretz) e miglior film britannico

Voto:Kick Ass (2010)

IMDb MymoviesOpensubtitles




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.