La cuoca del presidente (2012)

08/04/2013 by Roberto Matteucci
2012, Biografia, Commedia, Film Europei, Francia, Recensioni divider image
La cuoca del presidente (2012)

 “Agli uomini politici piace molto fare sesso con le belle donne.”

 Si racconta che certa signora Danièle Delpeuch sia stata cuoca privata per il presidente Mitterand per un paio d’anni all’Eliseo. Il film La cuoca del Presidente del regista Christian Vincent narra una storia simile. Hortense Laborie gestisce un ristorante nella provincia francese ed è chiamata d’urgenza a Parigi a soccorrere le papille linguali del depresso Presidente. L’inizio è in una sperduta isola dell’Oceano Indiano, dove la Francia ha una base di ricerca scientifica, la Alfred Faure. Il posto è lontano, fuori dal mondo, però sono fortunati perché la cuoca della mensa plasma dei piatti eleganti e pieni di sostanza. Essa è Hortense Laboire, la quale si è rifugiata nella remota base dopo aver abbandonato l’Eliseo. Partendo dalla stazione antartica, la storia centrale è scritta come un flash back. A Périgord nella provincia francese, quattro anni prima, Hortense gestiva un ristorante.
Degli emissari del governo la incontrano. Nel viaggio verso Parisi le immagini mostrano una campagna francese bella e nostalgica. Nella capitale si cambia, la ripresa dei palazzi è riflessa sui vetri della macchina. Ora il film si tramuta in una passerella di signorili piatti di cucina francese.
Al Presidente piace la “una cucina di famiglia” e Hortense cerca di accontentarlo a dispetto delle gelosie del precedente personale. Essa affronta una lotta impari con la burocrazia del palazzo presidenziale: è necessaria l’approvazione per gli orari, per il controllo della merce, per prendere un treno.

Hortense è maniaca e precisa nel lavoro, inoltre è una donna di fascino ed elegante, indossa una varietà colorata di colonna di perle. Il carattere è energico, ambizioso, subisce il carisma dell’anziano presidente, e lo circuisce con le sue pietanze. “Il cuoco non può essere un contabile”, è soprattutto una donna determinata e rigorosa. Parla eternamente di ricette, mentre cucina chiacchiera con le pentole, scandendo le varie fasi come una colonna sonora per scoppiettanti e colorati cibi. Riesce a coinvolgere tutti nell’appassionata ricerca di bontà: i funzionari dell’Eliseo, i poliziotti di guardia.

“Credo che in questo momento il presidente abbia altre priorità”nonostante il ruolo, il presidente trova sempre tempo per lei.  Il film è simpatico come può essere“La prova del cuoco” e Hortense è una Antonella Clerici francese. I prodotti alimentari sono la parte migliore. Il cibo è esposto a sfilate virtuali, a entrate trionfali, come le erotiche vongole che si aprono con sensuali crepiti. Il regista gli dedica dei primi piano stuzzichevoli, oppure colloqui fanatici con le pietanze.

Cibo e cinema hanno un legame profondo e storico, però ci mancava il racconto di una cuoca e di un presidente, il quale scendeva in cucina a mezzanotte per uno spuntino tradizionale, soprattutto per amoreggiare con la donna.

IMDbMymoviesOpensubtitles

 




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.