Lao Wedding – Sabaidee Luang Prabang (2008)

19/01/2015 by Roberto Matteucci
2000 - 2009, Film Asiatici, Laos, Recensioni, Romantico, Thailandia divider image
Lao Wedding - Sabaidee Luang Prabang (2008)

“What’s done is done. We have to accept it.”

Dopo la conquista comunista in Laos, il paese è stato concentrato su importanti sociali questioni. Perfino lo sviluppo cinematografico è stato limitato. È del 2008 la prima pellicola privata, coprodotta fra Laos e Thailandia.

I registi Sakchai Deenan e Anousone Sirisackda, rispettivamente thailandese e laotiano, dirigono il film Lao Wedding – Sabaidee Luang Prabang.

È un classico genere adolescenziale, al quale si aggiunge un incontro fra due culture diverse.

Sorn – interpretato dall’attore australiano tailandese Ananda Everingham – è un fotografo professionista di Bangkok. In viaggio di lavoro a Luang Prabang – città laotiana e antica capitale – incontra la giovane e bella interprete Noi.

Fra i due c’è uno scatto di amore immediato. È facile rovinare la reputazione di una ragazza in Laos, basta essere visti insieme a un ragazzo per la città. Poiché Noi è stata notata insieme a Sorn comincia a circolare una nomea non positiva per lei. Sorn è un bravo ragazzo, consapevole dell’affetto per lei e rispettoso delle tradizioni laotiane, perciò accetta di sposarla.

Ma organizzare un matrimonio è problematico, è un’impresa titanica;  sulla materia conosciamo un’immensa cinematografia. I due si amano, ma quando ci si sposa, si portano dietro le rispettive famiglie e le tante differenze, le quali si trasformano – anche le più piccole – in apocalittiche.

Noi appartiene a una bella famiglia borghese laotiana. Possiedono una casa grande, elegante, spaziosa, piena di mobili eleganti. I genitori sono apprensivi e adorano la figlia. Anche Sorn ha un bel lavoro, è membro della nuova emergente classe media thailandese.

Le difficoltà iniziano subito.

Ottenere il visto non è facile: “… but most foreigners marry local girls to take advantage.”

Si prosegue con le difficoltà dei genitori di Sorn a spostarsi dalla Thailandia per seguire il matrimonio e conoscere i consuoceri. Al suo posto invece, incrementando la commedia degli equivoci, si presenta la sua ex fidanzata.La sua apparizione non aiuta la preparazione congiunta dei futuri sposi. Anzi dubbi, titubanze s’incrementano come è ovvio.

Di classico genere adolescenziale, l’amore ovviamente vince e stravince, fregandosene delle diversità e delle difficoltà.Tutta la storia è un susseguirsi di lunghi piani panoramici pieni di colore.

Il film assume immediatamente un tono documentaristico, le immagini sono delle foto da cartolina: foreste, campagne, allegri abitanti, furbi ragazzini e tanti monaci. La colonna sonora è composta con canzoni allegre.

Il linguaggio è camera ferma, primi piano, campo e controcampo.Tutto molto semplice ma efficace e diretto per lo spettatore.

Il Laos è uno degli ultimi baluardi del comunismo. La bandiera rossa con falce e martello sventola orgogliosa sulla passeggiata lungo il Mekong a Vientiane. Questo primo film privato elimina le bandiere, mostra una classe istruita, benestante tuttavia tradizionalista.

IMDb ♦ Mymovies ♦ Opensubtitles

 




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.