L’Oriana (2015)

12/03/2015 by Renato Volpone
2015, Biografia, Film Europei, Italia, Recensioni divider image
L'Oriana (2015)

“Scrivi sempre la verità, assomiglia ai ferri chirurgici, fa male ma guarisce”. Un personaggio importante, donna di grande carattere cui non è facile dare un volto nella versione cinematografica.

Il film, infatti, parte un po’ incespicando con una Vittoria Puccini forse troppo dolce per il carattere determinato della nota giornalista. Marco Turco, inoltre, nelle prime scene pone un’intervista a donne in un matrimonio in India che parlano in italiano come gli immigrati di seconda generazione, togliendo la sensazione del “vero” alla ricostruzione storica. Lo stesso accade per il tratto di storia che riguarda il Vietnam. Poi ci si affeziona al personaggio, la Puccini pare lentamente resuscitare ed entrare nella parte e lo spettatore viene catturato. Forse è la figura dell’”uomo” Alexandros Panagulis che porta poesia al racconto, forse il periodo storico che si avvicina di più alla fine del secolo, fatto sta che il racconto prende un incedere più coinvolgente che permarrà fino alla fine del film.

La narrazione è centrata sulla vita della giornalista, soprattutto sul suo lato emotivo sentimentale, ma il percorso è quello dei suoi grandi reportage e dei suoi libri. Turco in questo è molto bravo e invoglia a tornare a sfogliare quelle pagine ormai vecchie, ma il cui contenuto è ancora attualissimo. Lo scontro tra la libertà della donna e l’intervista con ayatollah khomeini non sono che un faro su un futuro pressante. Per la Fallaci ciò culmina con la strage delle Torri gemelle e il suo pamphlet “La Rabbia e l’Orgoglio” che nella forma di una lunga lettera, l’ultima, denuncia la crescente guerra di religione e l’oppressione di un certo mondo arabo. Bellissimo il suo immergersi nell’umanità dei paesi visitati, nella loro storia, nella disperazione della gente, come il suo darsi completamente all’amore.

E poi una lezione di storia per non dimenticare un passato che è ancora molto vicino e come la democrazia e la libertà siano sempre in pericolo anche quando sembra che si sia approdati alla salvezza di un’isola felice.

Voto:3 stelle

IMDbMymovies ♦ Opensubtitles




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.