Luglio 2012 : Termina la decima edizione dell’Ischia Film Festival

13/07/2012 by Alessia Carnevale
News divider image
Logo-IFF-quadrato

Si è conclusa sabato 7 luglio 2012 la Decima Edizione dell’Ischia Film Festival, la rassegna cinematografica ospitata dal Castello Aragonese di Ischia. Il premio della sezione documentari è andato a La Bonheur di Laurant Hasse, che racconta la storia di un uomo che attraversa la Francia alla scoperta del proprio paese e di se stesso, mentre a Paolo Genovese è stato assegnato il premio come miglior regista per “Immaturi il viaggio”. Numerose pellicole sono state presentate nelle sale del Castello. Erano molti i cortometraggi in gara che precedevano i film fuori concorso ed è stato arduo per la giuria stabilire chi meritasse di vincere.

Il premio per il miglior cortometraggio è andato ad Oroverde, di Pierluigi Ferrandini,  liberamente ispirato ai racconti di Bianca Panarese che all’età di 13 anni conobbe la fatica del lavoro come operaia tabacchina presso il consorzio di Tricase. Il 15 maggio 1935, durante una protesta contro il trasferimento del consorzio, la polizia sparò sulla folla uccidendo 5 persone tra cui il fratello di Bianca, Pietro Panarese, lasciando alla ragazzina un dolore che porterà sempre con sé. Bianca Panarese oggi ha 88 anni.

Molto apprezzata è stata anche la disponibilità di personaggi noti che si sono prestati gratuitamente alla realizzazione di cortometraggi impegnati del sociale, mostrando grande sensibilità e incoraggiando le piccole produzioni indipendenti : La Tana del Bianconiglio, di Linda Parente, vede la partecipazione di Maria Grazia Cucinotta, sponsor importante per il corto che affronta la tragedia accaduta a L’Aquila la notte del 6 aprile 2009. A distanza di 3 anni, tutto è ancora sotto le macerie e l’Italia sembra aver dimenticato l’accaduto. Una tragedia che non ha confini, realizzata con un budget bassissimo, una storia universale da cui traspare speranza e voglia di ricominciare. Linda Parente spiega al pubblico “abbiamo iniziato una raccolta fondi per l’ospedale de L’Aquila, è un progetto che va avanti da un anno”  ; Corti di Angelo Cretella, vede la partecipazione del grande Leo Gullotta e narra la storia di Mimmo, un bambino di 8 anni ossessionato dai capelli corti. Tratto dal libro di racconti “Dai un bacio a chi vuoi tu” di Giusi Marchetta,  testo vincitore del premio Calvino 2007, il cortometraggio affronta la violenza sui minori con grande grazia e delicatezza poetica, in una Sant’Agata dei goti che fornisce la giusta e necessaria sospensione territoriale.




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.