Muschio/Moss (2010)

14/12/2012 by Valentina Cereda
2010, Corea del Sud, Crimine, Drammatico, Film Asiatici, Mystery, Recensioni, Thriller divider image
Muschio/Moss (2010)

Kang Woo-Suk prende una svolta lontano dalle commedie d’azione tradizionali, dal genere popolare e dai drammi storici confezionando un melodramma sul bene, il male, il peccato e la redenzione, il potere assoluto che corrompe in modo assoluto, e l’intrattabilità dell’avidità umana. “Muschio – Moss“, settimo film del regista è la trasposizione del webcomic omonimo di Yun Tae-hosu.

In un piccolo villaggio rurale, Ryu Mok-Hyeong (Heo Jun-Ho) sta cercando di creare un rifugio per coloro che desiderano rinascere e vivere dopo essere stati toccati dal male del mondo. Il suo primo collaboratore è un poliziotto corrotto Chun Yong-Duk (Jung Jae-Young) che inizialmente lo accusa, falsamente, di frode ma la forte personalità e l’autocontrollo di Ryu affascinano l’uomo e in poco tempo i due uniscono le forze per costruire una città migliore.

30 anni dopo il figlio di Ryu Mok-Hyeong, Ryu Hae-Guk (Park Hae-Il) raggiunge il villaggio per il funerale del padre e, nel tentativo di regolarne l’eredità, scopre una rete di segreti interconnessi e si trova tra le mani un caso prima di l’abuso di potere e poi di omicidio.

Per i primi 90 minuti il regista fa un ottimo lavoro di costruzione della tensione, alimentando sospetti su tutti i personaggi, nessuno escluso, e sollevando domande quel tanto che basta per mantenere la tensione. Contemporaneamente vengono rivelati i collegamenti all’interno della piccola comunità e svelata la natura perversa dei personaggio, così il marciume e l’ipocrisia di fondo della vita nel villaggio idilliaco si svelano poco a poco. Il film riesce fino a circa metà quando il peso narrativo diventa schiacciante e comincia a collassare su se stesso prima del finale.

Voto:

IMDbMymoviesOpensubtitles




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.