Noi e la Giulia (2015)

24/02/2015 by Renato Volpone
2015, Commedia, Film Europei, Italia, Recensioni divider image
Noi e la Giulia (2015)

Edoardo Leo si ripresenta nel doppio ruolo di regista e attore in questa commedia che ricorda molto il film La nostra terra di Giulio Manfredonia pur non avendone lo stesso spessore narrativo.

Tre personaggi senza fortuna: Diego un sottomesso venditore di auto, Claudio che ha fatto fallire la gastronomia di famiglia e Fausto una celebrità da televendita inseguito dai creditori. Si incontrano per caso per comprare un casale in Campania e aprire un agriturismo, un affare, ma i soldi non bastano e così decidono di farlo in società. Il problema che sorge è quello della camorra che chiede il pizzo, più qualche bustarella meno sostanziosa per vigili urbani e pubblici permessi. Il racconto stenta a decollare forse a causa degli improbabili protagonisti. Leo ha perso la freschezza di “diciotto anni dopo” e risulta un po’ pesante nel suo personaggio. Portando poi un attore famoso come Luca Argentero, che veste i panni di Diego, piemontese a Roma, troppo sfortunato per essere vero, fa cassetta, ma perde di credibilità. Le sorti del film vengono risollevate dalla bravura di Buccirosso e dalla presenza di Anna Foglietta che, sola donna in mezzo a tanti uomini (a dire il vero c’è un’altra donna, ma giusto per pochi minuti), porta quel giusto grado di dolcezza e di leggerezza che manca ai maschi imprenditori.

Il film è costantemente in bilico tra il sogno e l’incubo, facendo gustare la bellezza del successo, ma anche la durezza della sconfitta. Il titolo si riferisce a una vecchia automobile che viene sepolta in giardino senza averne spento lo stereo che riparte a tratti e fa la fortuna del casale come fosse un mitico fantasma. Le trovate bizzarre ci sono, infatti, e potrebbero essere davvero divertenti, peccato che le riprese e il quadro scenografico perdano di aderenza con la realtà, come il terreno nel quale viene sepolta l’auto che appena dopo risulta perfettamente battuto e non smosso, oppure la ristrutturazione del casale trasformato nel giro di poche ore come per un tocco di bacchetta magica dalla Foglietta.

Si tratta solo di particolari, ma che danno il senso del valore di una produzione più attenta agli incassi con un pubblico dalla risata facile e da pop corn che alla realizzazione di una commedia che si faccia ricordare nel tempo per intelligenza e divertimento.

Voto:3 stelle

IMDb Mymovies ♦ Opensubtitles

 




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.