Noor (2012)

01/01/2013 by Renato Volpone
2012, Drammatico, Film Asiatici, Film Europei, Francia, Gli esordi alla regia, Pakistan, Recensioni divider image
Noor (2012)

Noor, bellissimo film, una produzione franco-turca-pakistana che racconta il viaggio di una ragazza che vuole essere “uomo” verso il lago delle fate, Noor  è un khusras e si scopre cosa significhi  effettivamente solo alla fine del film. Le fate servono per fargli crescere la barba e i baffi, come gli racconta un vecchio che sta al posto dove lavora, ma questi personaggi fatati le/gli daranno molto di più. È il racconto di un transgender  in pratica, ma alla fine la sua storia vi colpirà e tutto ciò che avete creduto che fosse sarà diverso. È una storia lenta, ma inarrestabile, attraverso sofferenza, povertà, violenza e disperazione. È un viaggio verso la speranza e la felicità, seppure difficile, quella felicità che quando la raggiungi poi non hai più nulla da chiedere e vivi sereno tutto ciò che la vita ti potrà ancora riservare. Noor lavora in un cantiere per la decorazione dei camion.

I registi  Çağla Zencirci e Guillaume Giovanetti sono bravissimi a descrivere e calare lo spettatore nella realtà del Pakistan, a renderlo un ambiente famigliare, fino ad ammirare la bellezza dei camion decorati così Kitch, ma meravigliosi. E poi la fotografia ci disegna stanze povere, prive di ogni bene, ma anche spazi immensi,  paesaggi selvaggi e lontani che ti spaccano il cuore, e dentro quei paesaggi le diverse umanità: personaggi reali dolcissimi e meravigliosi, ma anche insensibili e crudeli. E tutto questo per descrivere come è difficile essere “diverso” in una realtà in parte arcaica, ma come lo è in ogni società moderna.

Una grande lezione di vita. Il film è stato presentato all’apertura del Medfilm Festival di Roma.

Voto:

[tube][/tube]

 IMDbMymovies ♦ Opensubtitles




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.