Paradise now (2005)

22/02/2011 by Maurizio
2000 - 2009, Crimine, Drammatico, Film Asiatici, Film Europei, Francia, Israele, Olanda, Territori palestinesi divider image
Paradise Now (2005)

“Dopo cosa succederà?”, chiede Said. Risposta: “Due angeli scenderanno e ti porteranno via tra le stelle”. In questo scambio di battute si racchiude tutta la paura e l’ignoranza (o fede) di chi, giovane palestinese, poco dopo dovrà compiere un attentato suicida assieme al suo amico Khaled (Ali Suliman), facendosi esplodere per i loro ideali di resistenza a Tel Aviv. Per fare un gesto del genere o si è convinti o non lo si fa, le incertezze non hanno spazio quando si parla di martirio.

Said (Kais Nashif) è un giovane palestinese di Nablus, il quale  un giorno viene reclutato per una missione suicida a Tel Aviv in risposta ad attacchi israeliani. Pur avendo un amore che sta nascendo con la bella Suha (Lubnza Azabal) e una famiglia alle spalle, abbandona gli affetti e, insieme all’amico  Khaled, s’incammina verso il suo destino. I due giovani vivono le loro esperienze in maniere diverse: uno è fortemente convinto di quello che andrà a fare, l’altro molto più riflessivo e consapevole degli eventuali morti innocenti che può causare. Quando andranno in missione però qualcosa non andrà per il verso giusto, e da qui partirà una lunga analisi delle loro coscienze che li faranno pensare, valutare ogni azione immersi nelle loro paure.

Paradise now tratta una tematica molto complessa e difficile da affrontare e lo fa senza pregiudizi e in maniera oggettiva. Il regista Hany Abu-Assad mette in scena questo argomento dal punto di vista del martire, riuscendo  a catturare sin dall’inizio  lo spettatore con le strepitose interpretazioni dei protagonisti, così bravi nel fare trasparire il loro stato d’animo, prima sicuro e poi preoccupato e dubbioso.

E’ impossibile prendere le parti di un kamikaze ed è molto difficile capirne le ragioni; si capisce che il regista non parteggia per questa frangia estremista, ma con questo film offre dei punti di riflessione. Bellissime le scene di preparazione al martirio, dalle riunioni a come vengono lavati e vestiti i due ragazzi, dalla foto da mandare ai familiari al loro ultimo video prima di farsi esplodere.

Girato nella realtà  durante i bombardamenti e con molte problematiche cinematografiche, Paradise now ha giustamente vinto numerosi premi.

  • Golden Globe 2006: miglior film straniero
  • Independent Spirit Awards 2006: miglior film straniero
  • National Board of Review Awards 2005: miglior film straniero
  • European Film Awards 2005: miglior sceneggiatura

Voto: 

[youtube]Jyz15qG22Ec[/youtube]

[youtube]4gkvj30aNiE[/youtube]

IMDbMymovies ♦ Acquista ♦ ItalianShare ♦ OpenSubtitles



One Response to Paradise now (2005)



bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.