Fred Cavayé – Pour elle (2008)

09/03/2011 by Luca
2000 - 2009, Crimine, Drammatico, Film Europei, Francia, Fred Cavayé, Gli esordi alla regia, Spagna, Thriller divider image
Pour elle (2008)

Come accennato nel commento di ieri sul box office, negli Usa scarseggiano le idee e da un po’ di anni a questa parte a volte gli sceneggiatori se la cavano facendo remake o sequel anche dopo parecchi anni dall’ultimo episodio (vedi Tron), il più delle volte senza necessità di rivedere l’argomento. Un vantaggio di questa abitudine è quella di scoprire film (gli originali) di cui probabilmente non avremmo mai sentito parlare.

L’8 aprile esce in Italia The next three days, nuovo film di Paul Haggis con Russell Crowe, rifacimento in stile hollywoodiano di Pour elle, film francese di appena due anni prima. C’è qualcosa che non va nell’originale? Sì, non è in inglese.

Julien (Vincent Lindon) e Lisa Aucler (Diane Kruger) sono una coppia normale che vive felicemente con il loro figlio neonato Oscar finché una mattina la polizia irrompe in casa loro e arresta la donna con l’accusa di omicidio. Lisa è innocente, ma per una serie di coincidenze le prove sono apparentemente tutte a suo sfavore, tanto che, tre anni dopo l’arresto, viene condannata a 20 anni di carcere.

Il marito, che in tutto questo tempo non si è mai dato per vinto, si convince che c’è solo più un modo per tornare ad essere una famiglia, far evadere la moglie e fuggire all’estero. Essendo un uomo qualunque, con qualche difficoltà entra a contatto con la malavita locale e organizza nei minimi dettagli il piano per l’evasione e la fuga. Riuscirà nel suo intento?

Il regista fa ampio uso di flashback per sviluppare la storia, partendo da tre anni prima, quando Lisa viene arrestata e Julien lasciato solo a crescere il figlio, passando a tre mesi prima, quando l’uomo, venuto a conoscenza della condanna definitiva, comincia a mettere a punto il piano, fino a tre giorni prima del tentativo di fuga quando le cose cominciano a muoversi. Il montaggio è intuitivo e non si perde il filo della storia, ma alcune scene sembrano messe un po’ a casaccio, come quella in cui si viene a conoscenza della reale innocenza della moglie.

Conosciuto anche con il nome inglese Anything for her, il film che segna il debutto alla regia per Fred Cavayé invita il pubblico a immedesimarsi con un uomo per bene spinto dalla disperazione in pericolose attività criminali e si è dalla sua parte dall’inizio alla fine. E’ un incipit strausato, ma sempre buono per mettere su un discreto thriller, con però qualche sbavatura, o piuttosto qualche momento d’improbabilità: però se si dà per possibile che un professore di mezza età organizzi un piano criminale, recuperi informazioni riservate sul carcere e sulle guardie e sappia usare discretamente la pistola, beh allora è un film più che vedibile e godibile.

Nella parte secondaria della moglie c’è la splendida Diane Kruger, ex modella tedesca che si alterna tra film d’oltralpe e d’oltremanica (è nei cinema ora in Unknown). Non è un’interpretazione sopra le righe, ma d’altronde lo spazio a lei riservato è molto poco.

Voto:

IMDb ♦ Mymovies ♦ Acquista ♦ ItalianShare ♦ OpenSubtitles




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.