Quasi amici (2011)

14/02/2012 by Luca
2011, César, Commedia, David di Donatello, Drammatico, Film Europei, Francia, In uscita in Italia, Recensioni divider image
Quasi amici (2011)

Esce in Italia il film che è diventato un caso in Francia, facendo staccare quasi 21 milioni di biglietti! Eppure la trama di Quasi amici (in origine Intouchables) non presenta particolari spunti originali.

Driss (Omar Sy) è un uomo di origini africane appena uscito dalla prigione, che vive nelle banlieue e si arrangia come può dovendo fare i conti con la famiglia numerosa; Philippe (François Cluzet, Non dirlo a nessuno) è un ricco uomo d’affari, reso paraplegico da un incidente di parapendio. Le vite dei due si incrociano perché Philippe ha bisogno di un badante, e al colloquio si presenta anche Driss, il quale non ha altro bisogno che avere il foglio firmato per poter ricevere l’assegno di disoccupazione. Pur essendo ovviamente sconsigliato dalla propria segretaria, Philippe assume Driss, che rimane sorpreso, ma che accetta ben volentieri di trasferirsi in una casa signorile. Lo script è centrato sul legame che si sviluppa tra i due, che per motivi diversi hanno un che di solitario, e finiscono per contribuire ad arricchirsi la vita a vicenda.

Basato su una storia vera di Philippe Pozzo di Borgo, Quasi amici è un film divertente dove non c’è alcun interesse a lamentarsi delle tribolazioni di stare sulla sedia a rotelle. Philippe rivendica il suo diritto alla felicità: non ha bisogno di compassione, vuole solo una cosa: essere lasciato vivere, ed è per questo che prende con sè Driss, così diverso dalla norma dei badanti.

Diretto dal duo Olivier Nakache e Eric Toledano, il film è sicuramente ben scritto e recitato, ed è rimarchevole la combinazione di umorismo e messaggio umanista, ma soprattutto la capacità di prendere in giro al disabilità fisica senza cadere nell’offesa. Per contro, “quest’epopea del nero alto e il piccolo bianco” come l’ha definita Le Monde e che è stata paragonata al cinema di Capra, è piuttosto stereotipata, a partire da Driss che interpreta l’immagine del perdente ed ignorante dalla banlieue.

È difficile criticare la pellicola, perché si tratta di un’ottima commedia, un gran film ‘feel good’ per i tempi di crisi (anche se l’ambientazione di crisi ha proprio poco), ma sicuramente è un po’ sopravvalutata, in cui il passaparola ha fatto più del resto; un po’ come era successo per Giù al nord, che ha avuto un enorme successo a livello nazionale.

  • Tokyo International Film Festival 2011: miglior attore e gran premio della giuria
  • Cesar 2012: miglior attore (Omar Sy)
  • David di Donatello 2012: miglior film europeo

Voto: 

IMDb Mymovies Opensubtitles ♦ Cinema su Facebook


3 Responses to Quasi amici (2011)



bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.