The Colors of the Mountain (2010)

14/01/2012 by Maurizio
2010, Colombia, Drammatico, Film Americani, Gli esordi alla regia, Panama, Recensioni divider image
The Colors of the Mountain (2010)

Possedere un pallone  può essere un sogno per chi, come Manuel, spera un giorno di diventare un famoso portiere, specie se si trova in un luogo rurale come la campagna colombiana di La Pradera, in cui i guerriglieri hanno il pieno controllo dei cittadini e non esistono scuole di calcio per crescere e migliorare il proprio talento. Se poi il famoso pallone tanto desiderato diventa realtà e costituisce il divertimento pomeridiano di Manuel ed altri suoi amici per tirare due calci, allora si può essere già enormemente soddisfatti di quello che si possiede.

Un giorno si scopre che il campo è vicino a delle mine troppo pericolose per stare tranquilli, quindi i genitori dei ragazzini vietano assolutamente di andarci; c’è solo un inconveniente che non lascia sereno Manuel: il suo pallone è finito troppo lontano per raggiungerlo, le bombe potrebbero essere nei paraggi e non si può rischiare la vita per una semplice palla da calcio. Passa il tempo e nel frattempo il padre di Manuel cerca di evitare i guerriglieri, scappando quando ne ha l’opportunità, ma mettendo in serio pericolo la propria famiglia. Arriva anche una giovane insegnante che porta un’aria diversa nella scuola di Manuel, dove fino a quel momento la paura e il terrore dei soldati ribelli avevano preso il sopravvento. Ma nella sperduta campagna colombiana non esiste possibilità di cambiamento, o si cambia vita trasferendosi in un’altra località più tranquilla o si accettano le condizioni dei guerriglieri. In più Manuel deve recuperare assolutamente il suo pallone.

Esordio alla regia di Carlos César Arbeláez che, con il suo The Colors of the Mountain trasmette quella sensazione di disagio che si ha quando si ammirano le forti e commoventi immagini del suo lavoro. Un disagio perchè ci si intenerisce davanto alla figura di Manuel, il quale ha  l’obiettivo  recuperare il pallone dei suoi sogni, nonostante attorno a lui ci siano forti preoccupazioni nel poter vivere serenamente. Arbeláez sembra voler dire che non esiste Stato in un posto sperduto come La pradera, non si hanno  altre soluzioni per poter accettare un compromesso, esso vale sia per uomini che per le donne. Rimangono esclusi i bambini, troppo giovani per capire cosa succede  davanti ai loro occhi, desiderosi solamente di poter liberarsi mentalmente di tutto  e correre felici in un prato, anche se purtroppo un campo da calcio non è.

Candidato agli oscar 2012 come miglior film straniero per la Colombia, The Colors of the Mountain è facilmente trovabile con i sottotitoli in italiano; difficile una sua distrubuzione in Italia.  Buona visione!

Voto:The Colors of the Mountain (2010)

IMDb Mymovies Opensubtitles ♦ Cinema su Facebook




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.