Pesaro 51 – The Human Horse (2013)

23/09/2015 by Roberto Matteucci
2015, Documentario, Film Europei, Italia, Pesaro Film Festival, Recensioni, Speciale festival di... divider image
The Human Horse (2013)

“Dove cresce il riso.”

In un mondo pieno di macchine, di velocità, di corrieri veloci perché si dovrebbe prendere un risciò?

Per risparmiare? Per andare lenti? Per ricordare un passato? Per rischiare la vita? Lo presi a Saigon qualche anno fa. Lo feci unicamente per scimmiottare i film di guerra. E, infatti, corsi gli stessi rischi, non erano ripresi i bombardamenti al napal ma perché, nonostante l’agilità, il conduttore spingeva, il minuscolo e indifeso risciò, in mezzo a un traffico impazzito e congestionato. Il mio “horseman” correva come un pazzo mentre io pregavo.

In India il governo vuole eliminare i risciò perciò non concede più licenze. Essi rappresentano un mondo passato, la lentezza quando oggi è obbligatorio correre, scattare.

È il tema del documentario The Human Horse dei registi Rosario Simanella e Marco Landini presentato alla prima edizione del Pesaro Doc Fest 2015 diretto da Luca Zingaretti.

Nei bassifondi, nelle periferie delle città indiane, alcuni uomini continuano a vivere nel passato. Essi trasportano persone e merci correndo solitari e sfidando l’inglobante città, la quale sta crescendo a dismisura: intorno alle strade ci sono delle costruzioni infinite e palazzi in lavorazione. 51 Pesaro Film Festival

Il film ci mostra gli animati sobborghi, dove la gente litiga per la monnezza: “Sono due giorni che rubate la nostra spazzatura.” Le città sono affollate, ricche di umanità. La povertà costante e interminabile non elimina la sensibilità di chi è abituato a quelle condizioni: “però qui la gente è strana”, infatti, dormono, cucinano, si spidocchiano, allevano animali, vivono in mezzo alla strada.

Gli autori puntano sulla confusione per mostrarci la vivacità disordinata delle città.

La parte migliore è l’inquadratura carrellata degli Human Horse. Come in una gara di mondiale moto, la MDP è montata sul fianco del risciò. L’uomo corre ripreso angolarmente, è in primo piano mentre la musica batte il ritmo. Viaggia lento e a pochi centimetri migliaia di macchine sfrecciano fregandosene di un resto umano di un’altra epoca ma che ha ancora tanto da insegnarci.

IMDb ♦ Mymovies ♦ Opensubtitles




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.