The way back (2010)

29/06/2011 by Luca
2010, Avventura, Drammatico, Film Americani, In uscita in Italia, Stati Uniti divider image
The way back (2010)

A volte ci si trova davanti a storie fuori dai limiti della resistenza umana che a raccontarle sembrano inventate. The way back ne racconta una di esse, seppur romanzata: la storia di 6 uomini che durante la seconda guerra mondiale scapparono da un gulag siberiano e giunsero in India, percorrendo a piedi più di 4800 Km.

L’introduzione è centrata su Janusz (Jim Sturgess), un giovane ufficiale polacco, accusato di criticare il partito comunista e di essere una spia. Viene condannato sommariamente a 20 anni di lavori forzati e mandato in un gulag. Qui, grazie all’aiuto di Khabarov (Mark Strong) e ai consigli di Mr. Smith (Ed Harris), riesce superare lo shock iniziale e a sopravvivere alle interperie. La difficoltà della vita nel campo è ben rappresentata, così come la bellezza e la durezza del paesaggio circostante.

Ben presto nel gruppo nasce l’idea di fuggire, anche grazie al fatto che i loro carcerieri non faranno nulla per trattenerli convinti che la natura stessa penserà a fermarli. La fuga ha inizio in una notte di tempesta e ai 3 si aggiungeranno altri 3 prigionieri, tra cui Valka (Colin Farrell), un truffatore e ladro russo. Sopravvivere alla tempesta è solo la prima di interminabili prove che il gruppo dovrà superare. Per mesi, questa […] sarà unita dalla disperazione e dalla lingua inglese, attraversando ogni tipo di paesaggio e di clima, dalle foreste siberiane al deserto del gobi e all’himalaya, mangiando qualsiasi cosa di commestibile ed evitando i predatori, a due e quattro zampe.

Diretto da Peter Weir (Master and commander, Truman show), il film è, tra le altre cose, una grande pubblicità sulle bellezze e sulla diversità della natura. Il volere del regista infatti era quello di fare un film d’avventura ‘vero’, senza montaggi ipercinetici e senza l’uso CG e per questo ha girato in luoghi esotici tra cui il deserto del Sahara, le foreste bulgare e l’Himalaya indiano. Finanziato in modo indipendente, ha tra i sostenitori il National Geographic a conferma di quanto detto. Rimasto a lungo senza distribuzione, ha però deluso al botteghino americano dove ha incassato meno di 3 milioni di dollari (il budget era di 30), forse deludendo il pubblico abituato a film d’avventura Pirati dei Caraibi like.

Tra gli attori più conosciuti, sia Harris che Farrell forniscono delle interpretazioni in linea con i loro ‘personaggi’ tipo: meglio il primo del secondo che sfodera sempre il suo malvivente, sia che il personaggio sia americano, irlandese o russo.

‘La via del ritorno’ è tratto dal romanzo ‘The long walk’ di Slavomir Rawicz, soldato russo che nel film è il personaggio di Janusz, e la storia dovrebbe essere ispirata a fatti realmente accaduti; in realtà a quanto pare Rawicz non ha preso parte alla fuga, ma da ricostruzioni alcune persone che hanno effettivamente compiuto il lungo viaggio. E onestamente è bello pensare che la resistenza umana sia capace d’imprese come questa.

EDIT: In uscita in Italia il 6 luglio 2012.

Voto: 

IMDbMymovies ♦ Acquista ♦ ItalianshareOpensubtitles




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.