Thirst (2009)

20/04/2011 by Maurizio
2000 - 2009, Commedia, Corea del Sud, Drammatico, Fantasy, Film Asiatici, Horror, Park Chan-wook, Romantico divider image
Thirst (2009)

Park Chan-wook oramai è entrato tra i registi che adoriamo di più grazie al suo modo di girare e raccontare le storie. Abbiamo conosciuto la sua triologia della vendetta ( Mr. Vendetta – Old Boy – Lady Vendetta) giudicata a nostro avviso un capolavoro; oggi ci soffermiamo su un’altra opera, sempre di alto livello, che ha vinto il premo della giuria al Festival di Cannes: Thirst.

Liberamente ispirato a “Teresa Raquin” di Zola, Thirst è un film da ammirare per il suo aspetto noir, dai risvolti quasi mistici. Un genere horror-vampiresco anomalo, diverso dai soliti film dove la figura del vampiro è pressochè fumettistica. Thirst è un lavoro elaborato dall’inizio alla fine, in cui  l’aspetto psicologico conta di più di quello visivo: non esiste paura ma solo un senso d’inquietudine.
Sang-hyun è un sacerdote rispettato che si offre volontario per sottoporsi alla sperimentazione per trovare un vaccino e sconfiggere un virus letale in Africa. L’esperimento non riesce e  il sacerdote muore. Rientrato in Corea, il prete  passa dalla morte alla vita grazie ad una trasfusione di sangue di provenienza ignota e diventa un vampiro. Di conseguenza perderà la fede in Dio e sopratutto avrà  bisogno di sangue per sopravvivere. Quando si innamorerà di una giovane ragazza, conoscerà il piacere del sesso ma nello stesso tempo anche il desiderio di uccidere.

Ottima la fotografia di Chung-hoon Chung, ma non è una sorpresa visto i precendeti film sempre con  Park Chan-wook. Una doverosa citazione va alla protagonista femminile, Kim Ok-bin: semplicemente perfetta nell’interpretare una timida ragazza che diventa una spietata vampira.

  • Festival di Cannes 2009: premio della giuria

Voto:

IMDbMymoviesAcquistaItalianshareOpensubtitles


2 Responses to Thirst (2009)

  • Forse sarebbe da ricordare anche la vena umoristica che corre lungo tutto il film, e che in alcuni momenti (le bendature, l’annusamento delle scoregge…) esplode con apprezzabile leggerezza!
    Certo che però sul tema vampiri, secondo me, nessuno può battere “Lasciami entrare”! Che ne dici?
    Ciao!

    Rispondi


    • ciao, è nel mio elenco di film da vedere, non è ancora stato recensito perchè mi pare sia un film troppo conosciuto per il genere del nostro sito. Anche se però Park Chan-wook oramai è diventato famoso per Old boy…Per il fatto dell’umorismo è vero, ma non volevo dare un tono che poteva fuoriuscire dallo stile del film…Ciao

      Rispondi




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.