Torino 29: Hagar Ben-Asher – La troia – The Slut (2011)

29/11/2011 by Maurizio
2011, Drammatico, Film Asiatici, Film Europei, Germania, Gli esordi alla regia, Israele, Recensioni, Speciale festival di..., Torino Film Festival divider image
La troia - The Slut (2011)

Un cavallo che scappa dalla sua recinzione, attraversa la strada e viene investito. Parte in questo modo l’opera prima di Hagar Ben-Asher, la quale dopo alcuni cortometraggi, presenta al Torino Film Festival La troia – The Slut. Dopo un inizio alquanto interessante, in cui si scopre la protagonista Tamar (la stessa Hagar Ben – Asher)  e le perversioni erotiche nei confronti dei suoi amanti, il film rallenta il suo ritmo nella seconda parte, dove spesso le scene risultano prive di interesse. Non è facile raccontare lo stato psicologico di una donna che, una volta incontrata la persona giusta che l’ama, cade in tentanzione sessuale con i suoi amanti di sempre, coloro che vanno a trovarla per soddisfare le loro esigenze erotiche.

Tamar, una donna con due figlie, cerca di affrontare con serenità l’inizio di una nuova vita, dopo l’incontro con Shai, un veterinario tornato in città dopo la morte della madre. Ma le abitudini non si cambiano radicalmente, ci vuole del tempo prima di assestare la mente e renderla libera dai pensieri adulterini. Tamar cede, nonostante Shai sia un uomo perfetto dal carattere dolce, il quale  ha legato sin dall’inizio con le due bambine della donna, a differenza di essa che pensa solamente al sesso, a vivere il presente fregandosene del futuro. Conseguentemente arrivano le gelosie degli uomini di Tamar, arriva il pericolo nei confronti di Shai, troppo solo per difendersi da tutti, specialmente se “la troia” diventa loro complice.

Hagar Ben – Asher, di cui firma anche la sceneggiatura del film, poteva elaborare meglio la storia, cercando di soffermarsi non solo nelle ripetute scene di sesso, ma sullo stato psicologico della protagonista, per fare capire meglio cosa coltiva la mente turbata della donna.

La troia – The Slut purtroppo rimane un lavoro a metà, senza un finale degno di nota, in cui dovevano essere d’obbligo alcuni colpi di scena. Attualmente il film non ha avuto una distribuzione, uscito solamente al Festival di Cannes ed al Jerusalem Film Festival, dove la Hagar Ben – Asher si è aggiudicata il premio come miglior regista.

Voto:

IMDbMymovies ♦ Acquista ♦ Opensubtitles ♦ Cinema su Facebook




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.