Torino 31 – Big Bad Wolves (2013)

19/12/2013 by Luca
2013, Commedia, Crimine, Film Asiatici, Israele, Recensioni, Speciale festival di..., Thriller, Torino Film Festival divider image
file_174547_0_big_bad_wolves.608x864

Avere come biglietto da visita l’essere definito il film migliore dell’anno da Tarantino ha lati positivi e negativi: da una parte porta più visibilità del previsto, dall’altra però si creano aspettative che probabilmente saranno soddisfatte, tenendo conto ovviamente dei gusti eclettici e non propriamente mainstream del regista.

Big bad wolves, film israeliano scritto e diretto dalla coppia Aharon Keshales – Navot Papushado, è un thriller duro ed intelligente, dotato di un paio di buoni colpi di scena e di una forte dose di umorismo nero e caustico; ed è proprio questa contrapposizione tra violenza e comicità a rendere grandi alcune scene.

Una bambina scompare in un boschetto mentre sta giocando e viene successivamente trovata morta, decapitata e con segni di violenza. La polizia ha già un sospetto, Dror (Rotem Keinan), che viene interrogato e picchiato dall’ispettore incaricato del caso, Miki (Lior Ashkenazi), e da due aiutanti. La scena viene però ripresa e resa pubblica da un ragazzo, con la conseguente sospensione di Miki e del rilascio Dror.

Ufficialmente sospeso, ma sottilmente incoraggiato dal suo comandante a seguire il caso, Miki continua a molestare e perseguitare Dror; le sue attività sono improvvisamente interrotte dal padre della vittima, Gidi (Tzahi Grad), che sopraffà entrambi gli uomini e li porta al piano seminterrato di una casa che ha acquistato per l’occasione. Disperatamente voglioso di una confessione e di sapere la posizione della testa mozzata della figlia, Gidi tortura brutalmente Dror con la tacita approvazione di Miki, ma quando le cose rischiano di sfuggire di mano anche quest’ultimo si ritrova legato e imbavagliato. La situazione di tensione diventa ancora più complicata con l’arrivo inaspettato dell’anziano padre di Gidi (Dov Glickman).

31TFF logoI due registi fanno salire di pari passo violenza e comicità surreale offrendo un’inquietante riflessione sulla moralità e l’efficacia della tortura – la colpevolezza del sospettato non è certa, anzi.

Presentato al 31° Torino Film Festival, il film non ha ancora una data d’uscita italiana.

IMDbMymovies ♦ Opensubtitles




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.