Tutti i battiti del mio cuore (2005)

18/01/2011 by Maurizio
2000 - 2009, Azione, Bafta, César, Crimine, Drammatico, Festival di Berlino, Film Europei, Francia, Jacques Audiard, Musica, Romantico, Thriller divider image
tutti-i-battiti-del-mio-cuore

Quando si crede nel proprio talento non esiste nessun consiglio, si va avanti fino in fondo, errori compresi. Se però il talento è marginale, occorre un aiuto, uno stimolo in più per raggiungere il risultato finale.

È la storia di un antieroe inquieto, Thomas (Romain Duris), un ragazzo di 28 anni parigino, tormentato, desideroso di diventare concertista come la madre scomparsa tempo prima; destinato a seguire le orme del padre trafficando nel racket della speculazione edilizia, compra immobili decrepiti occupati da diseredati senzatetto per rivenderli subito dopo averli liberati; un’attività che gestisce al limite della legalità,  in bilico tra le sue due opposte anime: quella impulsiva e violenta per la  sua attività avuta dal padre,  quella artistica dovuta al talento della madre.

L’incontro con il suo vecchio maestro di pianoforte farà rinascere in lui la passione per la musica. Per superare il provino finale, Tom ha bisogno di un’insegnante di piano e la trova in Miao Lin, una musicista cinese che non parla una parola in francese. L’unico contatto tra i due è la musica, un punto d’incontro fondamentale che cambierà il futuro di entrambi.

Jacques Audiard è un regista talentuoso, come non ricordare il bellissimo film Il profeta. Con Tutti i battiti del cuore racconta una storia in qualche modo drammatica, perché il protagonista Thomas è un ragazzo indeciso sulla propria esistenza e sul proprio lavoro. Quando troverà un punto di comunicazione con il proprio destino, ovvero la musica, non lo perderà più. Un film particolare, a cominciare dai personaggi e dalle storie così semplici ma nello stesso tempo complesse.

Non è un caso che la  rivista del British Film Institute Sight & Sound l’ha indicato fra i trenta film chiave del primo decennio del XXI secolo.

  • Festival di Berlino: Orso d’argento per la colonna sonora
  • 8 Premi César 2006 (su 10 nomination): miglior film, miglior regista, miglior sceneggiatura, migliore attore non protagonista (Niels Arestrup), migliore promessa femminile (Linh Dan Pham) migliore fotografia, miglior montaggio e miglior colonna sonora
  • 2 Premi Lumière 2006: miglior film e miglior attore (Romain Duris)
  • BAFTA: miglior film

Voto: 

IMDbMYmovies Acquista ♦ ItalianShare ♦ AllSubs




bottom round image

footertop right
© 2014 by Ultimociak

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.